sara-errani-press-conference-2016-australian-open

sara-errani-press-conference-2016-australian-open

Il risveglio di oggi non è stato dei più dolci per tutti i sostenitori della nostra Sara Errani che questa notte non hanno potuto rimanere svegli ma soprattutto per la nostra instancabile guerriera, visibilmente amareggiata per il risultato sfavorevole del 1T dell’Australian Open 2016.

La nostra Sarita è inizialmente partita a razzo imponendo sia la sua maggiore qualità di gioco che la sua maggiore esperienza contro la 21enne di Mosca Margarita Gasparyanattualmente n.60 del ranking mondiale – e deliziando i calorosissimi fans italiani presenti sugli spalti del Court6 con un granitico 6-1. Nella ripresa di secondo set la russa tenta disperatamente di rimanere aggrappata alla partita ma Errani – nonostante avesse già iniziato ad avvertire fastidio al gluteo sinistro – resiste all’offensiva e si issa comunque sul 4-3 grazie ad un break.

Al momento del rush finale, però, nella partita si fa strada una protagonista non gradita – come la stessa Sara ci racconta nella conferenza stampa post-match:

Fin da ieri ho avvertito una tensione quasi insostenibile, non so spiegarne realmente il motivo, e oggi poi l’ho gestita male. Anche se ero partita bene nel secondo set ho iniziato a giocare malissimo.

Ho avvertito una fitta al gluteo già dal primo punto, poi dalla metà del secondo set col fatto che iniziavo a gestire male la tensione mi sono irrigidita e ho sentito ancora più fastidio, oltre che stanchezza. Nel terzo set avevo davvero poche energie rimaste, suppongo proprio per questo motivo. Non ero tranquilla. Dipende da tanti fattori, alcune settimane si fa più sentire, altre di meno; normalmente più vuoi fare bene più può diventare controproducente.”

Fortunatamente terminata questa giornata Sara avrà fino a dopodomani per ricaricare tutte le energie psicofisiche di cui ha bisogno per affrontare il primo turno di doppio al fianco di Martinez Sanchez e tornare in campo contro la coppia statunitense Racquel Atawo e Abigail Spears.